Investire in Oro nel 2020: Conviene? | Guida Completa

da

Da secoli l’oro è considerato un bene di incredibile valore.

Mentre in un passato lontano veniva utilizzato come vera e propria merce di scambio e per coniare monete, da decenni il prezioso metallo è diventato un must degli investimenti di natura finanziaria.

Tecnicamente, l’oro è una “commodity”, ma si comporta in modo profondamente differente da qualsiasi altra materia prima a causa della storica centralità in fenomeni economici, nonché del suo impiego nella gioielleria, odontoiatria ed industria elettronica.

Lo scopo dell’articolo è rispondere alla comune domanda “conviene investire in oro?”, e lo faremo analizzando:

  • Il valore dell’oro, per comprendere le motivazioni dietro la sua importanza
  • Il perché investire in oro possa essere un’ottima strategia in certe situazioni
  • Qual è il momento migliore per puntare sull’oro
  • Come si presenta oggi il mercato della commodity
  • Come investire nell’oro tramite diversi strumenti finanziari
  • Qual è la piattaforma adatta alle nostre operazioni

IL VALORE DELL’ORO

L’oro viene utilizzato dall’uomo sin dalla preistoria per la creazione di oggetti e ornamenti: di conseguenza, il valore del metallo giallo è da sempre elevato per via del suo diffuso uso e relativa rarità.

Nell’immaginario collettivo, l’oro è il metallo prezioso per eccellenza e non è una coincidenza che fu adoperato già secoli fa per il conio. Si stima che la prima emissione di monete in oro risalga addirittura al 600 a.C.

monete d'oro

Anche nella storia più recente l’oro è stato legato al concetto di valuta. Prima dell’introduzione della “moneta fiat”, ovvero creata dal nulla, la commodity fungeva da controvalore per le emissioni valutarie dei singoli Stati.

Tramite il sistema monetario definito “Gold Standard” (o Sistema Aureo), la base valutaria di un Paese era strettamente dipendente dalla quantità disponibile di oro.

IL SISTEMA AUREO

Si distinguono diverse fasi del Sistema Aureo:

  1. Circolazione aurea: il metallo prezioso veniva utilizzato come moneta diretta
  2. Circolazione cartacea convertibile totalmente in oro: il valore totale della cartamoneta emessa era pari alle riserve d’oro della banca centrale del Paese di riferimento. Questo implicava che le banconote in circolazione fossero completamente convertibili in oro
  3. Circolazione cartacea convertibile parzialmente in oro: parte della convertibilità in oro delle banconote venne meno, con conseguente valore totale della cartamoneta emessa superiore alle suddette riserve

Il vantaggio principale del Gold Standard era un sistema di cambi tra valute più stabile, in quanto il valore della moneta di un Paese non dipendeva dalla domanda e offerta della stessa, come accade oggi, ma dalle riserve concrete d’oro dei singoli Stati.

Anche nella storia più recente l’or

Anche se in prima analisi possa sembrare un sistema monetario nettamente più efficace dell’odierno, il Gold Standard soffriva di alcune criticità:

  • Una politica monetaria espansiva rendeva necessario l’acquisto di oro da parte delle banche centrali, cosa non sempre possibile
  • Il valore della valuta dipendeva anche dai giacimenti d’oro scoperti, portando così ad ondate inflattive/deflattive slegate dalla domanda-offerta della valuta in questione

Il Sistema Aureo uscì di scena a causa delle due grandi guerre, le quali richiesero ingenti spese in termini militari.

Il successivo sistema monetario (derivante dagli accordi di Bretton Woods del 1944 e consistente in politiche monetarie atte a stabilizzare i tassi di cambio a un valore fisso rispetto al dollaro americano – valuta di riferimento) ebbe vita breve, dal momento che nel 1971 gli USA abolirono la convertibilità del dollaro in oro dando il via al sistema fluttuante contemporaneo, dove le oscillazioni nelle quotazioni delle valute sono estranee ai possedimenti aurei delle banche centrali, basandosi invece sulla legge della domanda-offerta.

PERCHÈ INVESTIRE IN ORO

I metalli preziosi come l’oro – ma anche l’argento, seppur con ruolo inferiore – sono una scelta comune di investimento sia per gli agenti istituzionali, come le banche centrali, che per gli investitori “normali”.

Le banche centrali investono in oro al fine di proteggere il valore delle proprie riserve valutarie e delle proprie posizioni.

Infatti, dopo la caduta del Sistema Aureo, i tassi di cambio tra le varie valute hanno subito nel corso degli anni pesanti fluttuazioni. Uno dei modi migliori per proteggersi dai rischi di inflazione (ovvero dall’alzamento generale del livello dei prezzi – svalutazione della moneta) è investire in asset non legati alla valuta, in modo tale da preservare nel tempo il potere d’acquisto.

Per i trader comuni l’investimento ha motivazioni simili: essendo ritenuto un bene rifugio, l’oro viene concepito come opzione protettiva contro le turbolenze di mercato. Di solito, la materia prima è inserita in portafoglio così da diversificarlo ed avere un asset facilmente liquidabile in base al prezzo vigente sui listini.

investire in oro

L’oro mostra bassa correlazione con qualsiasi altra materia prima, fatta eccezione per l’argento, ed è poco esposto alle fluttuazioni dei cicli produttivi. Essendo poco impiegato nell’industria manifatturiera in confronto a commodity come il petrolio, conserva il suo valore anche nei periodi di forte contrazione del PIL.

In più, l’oro si comporta da ibrido tra una commodity e una valuta, lavorando come vero e proprio asset monetario tangibile, che tuttavia, pur essendo influenzato dalle politiche economiche globali, non può essere stampato dalle banche centrali alla pari della normale cartamoneta e, quindi, non dipende ciecamente dalle decisioni dei singoli Governi.

QUANDO CONVIENE INVESTIRE IN ORO

L’oro acquisisce popolarità in tempi di turbolenza economica e geo-politica; in particolare quando, per stimolare un’economia stagnante e deflazionata:

  • I Governi creano troppo deficit tramite politiche fiscali espansive (ossia bassa tassazione e alta spesa pubblica)
  • Le banche centrali immettono forti dosi di liquidità sul mercato

Per avere una riprova di ciò, analizziamo la quotazione del future sull’oro aggiustata per l’inflazione dal 1950 ai giorni nostri. Gli aggiustamenti per l’inflazione sono calcolati in modo tale da rapportare il valore del dollaro di 70 anni fa a quello di oggi.

Il ruolo dell’oro come bene rifugio contro le intemperie del mercato si evidenzia nel suo andamento passato, il quale è caratterizzato da un significativo trend positivo durante le crisi energetiche degli anni ’70 e la recessione del 1980.

Incrementi importanti di valore si sono registrati anche nel primo decennio del nuovo secolo, come conseguenze della bolla dot-com di inizio 2000 e della grande recessione del 2007.

Al contrario, la quotazione tende a diminuire nei periodi di relativa stabilità e ripresa economica (come dal 2011 al 2018).

COSA INDICA IL PREZZO DELL’ORO OGGI

Cominciamo con il trattare ciò che è successo l’anno scorso: il 2019 ha visto una parziale ripresa dell’oro, passando da 1.358$ a 1.593$ (valutazioni di inizio e fine anno).

A causa delle preoccupazioni circa la crescita globale, le banche centrali hanno optato per nuovi tagli dei tassi di interesse e nuove ondate di QE, le quali hanno determinato un’ulteriore flessione nei rendimenti dei Gov. bond (titoli di Stato). Sul mercato americano tale rendimento è utilizzato dagli operatori di Borsa come indicatore finanziario poiché misura la confidenza degli investitori nell’economia, soprattutto se rapportato al tasso dei bond con scadenze inferiori.

L’indicatore ad oggi fornisce grigie prospettive future e, alla luce di queste, il prezzo dell’oro è stato supportato dai trader ed agenti istituzionali come le banche centrali, le quali hanno aumentato le riserve auree per proteggere il valore della propria ricchezza.

Tendenzialmente, la quotazione dell’oro sale quando i tassi di interesse reali si attestano su livelli molto bassi. In seguito al nuovo programma di tagli dei tassi nominali, l’oro ha riacquisito la sua popolarità.

Dati i rendimenti prossimi allo zero o addirittura negativi dei titoli di Stato (fenomeno unico nella storia economica mondiale), oggi tra gli investitori si predilige l’oro, al posto delle obbligazioni, in qualità di investimento difensivo.

oro

Inoltre, recentemente le banche centrali di Paesi come Russia e Cina hanno attuato una vera e proprio corsa all’oro, non tanto per il suo ruolo all’interno del sistema finanziario, quanto per le preoccupazioni circa la tenuta del dollaro e dell’economia americana.

Infatti, essendo quotato in dollari USA sui mercati, l’oro è fortemente legato all’andamento della moneta americana. Russia e Cina, iniziando a mettere in discussione l’egemonia della valuta come riferimento per le riserve monetarie globali, hanno scaricato US bond e dollari in favore del metallo.

INVESTIRE IN ORO DOPO IL CORONAVIRUS

Nel 2020, viste le sopraggiunte difficoltà portate dal Covid-19, le previsioni economiche sono ancora più pessimistiche. Crolli dei PIL attuali ed attesi non hanno fatto altro che consolidare l’andamento dell’oro, che si sta pian piano avvicinando ai massimi storici dell’ultimo secolo.

Tuttavia, attenzione alle prospettive future in quanto, qualora le suddette banche centrali dovessero cambiare la propria posizione sull’oro da “net buyer” a “net seller”, la quotazione potrebbe velocemente precipitare.

Ormai sono anni che i sopraccitati Paesi accumulano il prezioso metallo e il loro appetito potrebbe essere sazio. La Russia ad esempio, senza fornire troppe spiegazioni, ha dato una brusca frenata all’acquisto di oro.

Oggi sembrerebbe infatti che la domanda sia sostenuta maggiormente dagli investitori “retail”. Il monito che sentiamo di lanciare è che scommettere contro le mosse delle istituzioni, il più delle volte, si dimostra essere una scelta non saggia.

COME INVESTIRE SULL’ORO

Esistono diversi modi per investire in oro sia a rialzo che a ribasso, così che sarà possibile guadagnare anche se il suo valore dovesse precipitare.

Lo scopo della sezione è analizzarli uno ad uno, evidenziandone le principali caratteristiche.

INVESTIRE IN LINGOTTI D’ORO

Acquistare un lingotto significa investire in oro fisico. Tuttavia, questa non rappresenta la migliore strategia qualora vogliate scommettere sulla commodity. Difatti, il trasporto e il deposito in cassetta bancaria, nonché un’eventuale assicurazione, hanno un costo da non sottovalutare.

La situazione non muta se prendiamo in esame altri approcci fisici come l’investire in monete d’oro o gioielli. Specialmente la redditività dell’ultima opzione viene assorbita dal margine di profitto del gioielliere, che potrebbe essere tale da neutralizzare il vostro potenziale guadagno.

Oltre a ciò, il parco titoli detenuto può beneficiare della diversificazione portata da un asset come l’oro. Suggeriamo quindi di concentrarsi su contratti finanziari piuttosto che sull’oro fisico.

lingotti d'oro

INVESTIRE NEL CFD SULL’ORO

I CFD sono strumenti derivati e, in quanto tali, subiscono oscillazioni di valore dipendenti dall’andamento di un sottostante, nel nostro caso specifico il future sull’oro: se la quotazione del future aumenta, salirà anche il CFD e, viceversa, se diminuisce, allora scenderà anche il prezzo del CFD.

I vantaggi di investire in oro tramite CFD sono principalmente due:

  1. È possibile vendere allo scoperto. I CFD sono contratti molto versatili che consentono di puntare sia al rialzo (guadagnerete quando il prezzo dell’asset su cui avete investito salirà) che al ribasso (ossia, avrete un profitto se il suddetto prezzo diminuirà). Senza i CFD vendere allo scoperto non sarebbe così semplice
  2. Potete utilizzare la leva finanziaria. L’impiego della leva permette di avere guadagni significativi anche investendo un capitale ridotto. Ovviamente, l’uso comporta rischi maggiori, quindi è importante capiate bene come funziona prima di investire

» Leggete la nostra guida ai CFD per una completa comprensione dello strumento «

I CFD rappresentano con certezza l’opzione migliore per tutti i trader desiderosi di investire in oro in maniera aggressiva e a breve termine così, ad esempio, da cavalcare un brusco e repentino cambiamento dei prezzi.

INVESTIRE NEGLI ETF SULL’ORO

Gli ETF sono fondi diversificati che negli ultimi tempi hanno acquisito sempre maggiore popolarità tra gli investitori, grazie alle proprie caratteristiche e costi convenienti.

Il principale vantaggio degli ETF è l’efficace diversificazione dell’investimento, che permette di ridurne la rischiosità puntando su più titoli piuttosto che direttamente ed esclusivamente sull’oro.

» Leggete la nostra guida agli ETF per scoprire tutti i benefici offerti da questo strumento altamente competitivo «

Diversificare è spesso una buona regola da seguire per ogni investitore, ma risulta ancora più importante per coloro che, avendo una conoscenza non particolarmente approfondita dei mercati, rischiano di esporsi troppo su asset di cui non conoscono a pieno le caratteristiche finanziarie e i fondamentali economici.

Invece, investire in ETF sull’oro fornisce una soluzione semplice per chiunque desideri puntare sulle performance del metallo senza comprare solo ed unicamente la commodity.

Il più grande ETF focalizzato sull’oro è il GLD, ma una valida alternativa è data dal fondo IAU.

INVESTIRE IN COMPAGNIE MINERARIE LEGATE ALL’ORO

Un altro metodo di investimento nella materia prima consiste nel comprare o vendere azioni di compagnie il cui business fondamentale è l’estrazione dell’oro.

Puntando su società minerarie si limita leggermente l’impatto delle oscillazioni nel prezzo dell’oro sulla performance dell’investimento, poiché le aziende, per la loro natura economica e giuridica, riportano utili e perdite di esercizio che influenzano pesantemente l’andamento borsistico e che possono essere parzialmente indipendenti dal valore della commodity.

Dal momento che queste compagnie si muovono in una economia vecchia, altamente inquinante e la cui operatività è fortemente caratterizzata da elevati costi fissi di personale e macchinari, riducendone quindi la profittabilità, prediligiamo altri approcci.

Ad ogni modo, rimane una scelta di investimento da considerare; basti guardare il grafico della performance azionaria di NEM nell’ultimo anno, una delle società principali impegnate nell’estrazione dell’oro.

DOVE INVESTIRE NELL’ORO

Per investire nell’oro noi usiamo eToro.

eToro è un broker online nato nel 2009 che oggi conta più di 9 milioni di utenti in giro per il mondo.

» Leggete la nostra recensione di eToro per scoprire tutti i dettagli sulla piattaforma «

La piattaforma di eToro dà la possibilità di investire, sia con posizioni lunghe che corte, nei:

  • CFD sull’oro
  • Vari ETF
  • Azioni di compagnie connesse al metallo giallo

Inoltre, eToro ha una particolarità che lo distingue dagli altri broker online: il CopyTrader.

Il CopyTrader è una funzione inventata da eToro che consente di copiare in maniera automatica gli investimenti di trader esperti. Inutile dire che è estremamente utile per gli investitori alle prime armi.

Se avete deciso di investire in oro, ma non siete molto pratici, potete selezionare un trader specializzato nelle commodity, tra i numerosi investitori professionisti che operano su eToro, e replicare tutte le sue posizioni con un solo click.

» Approfondite la guida al CopyTrader per scoprire come scegliere quale trader copiare «

Il nostro consiglio è di cominciare con un conto demo gratuito: è possibile iscriversi senza impegni alla piattaforma ed effettuare una simulazione di trading online con soldi virtuali, ossia capitale finto fornito dal broker.

In questo modo potrete imparare ad utilizzare la piattaforma e vedere se fa per voi: il conto demo non implica nessun obbligo da parte vostra.

Per registrarvi al conto demo è sufficiente compilare i campi che trovate sul sito web ufficiale: www.etoro.it.

CONCLUSIONI SULL’INVESTIRE IN ORO

Storicamente, durante i periodi turbolenti di mercato gli investitori hanno sempre preso le distanze dalle azioni, poiché ritenute lo strumento che più di tutti possa risentire delle rischiose conseguenze di una crisi/recessione.

Le obbligazioni di Stato sono state per decenni viste come validi contratti migratori, in quanto consentono di spostare la propria ricchezza dall’equity ad asset (erroneamente) chiamati a rendimento fisso.

Oggi, tuttavia, date le politiche monetarie non-convenzionali messe in pratica come risposta alla grande crisi del 2007, i bond hanno perso in parte il loro appeal, mentre l’oro è tornato in voga tra i trader.

Gli investimenti in oro, quindi, vanno presi in considerazione qualora abbiate sensazioni negative circa l’andamento corrente e prossimo del sistema economico globale, costituendo a tutti gli effetti un bene rifugio in cui difendersi dalle intemperie dei mercati.

Per investire in oro consigliamo eToro, alla luce della sua sicurezza, facilità di utilizzo e possibilità di imparare gratuitamente grazie al conto demo.

👍 Al 96% dei lettori è piaciuto questo articolo.

  • 96% 96%

NOTE SULL’AUTORE

GIANLUCA POLITO

Laureato in Finance and Risk Management presso l’Università degli Studi di Firenze -110 cum laude

Tesi in “CCP interoperability”

Corso in “Advanced Risk and Portfolio Management” (ARPM, New York City, NY, 2018)

Internship presso Zeliade Systems SAS (Parigi, Francia, 09/2018-12/2018)

Junior Consultant in “Gestione del rischio finanziario” presso Prometeia

8 + 13 =

DISCLAIMER: il trading comporta rischi: puoi perdere il capitale investito. Dovresti iniziare a fare trading solo se sei consapevole dei rischi. Brokeraffidabili.it non fornisce consigli finanziari: ti aiutiamo solo a trovare il broker più adatto alle tue esigenze. I nostri articoli sono da intendersi solamente a scopo informativo, per cui, tutti i collaboratori di Brokeraffidabili.it non si assumono alcuna responsabilità per eventuali perdite commerciali.

avviso di rischio etoro

Ti interessa imparare a fare trading aprendo un account demo gratuito con ETORO?

Ti basta cliccare qui ↓